venerdì 30 novembre 2007

Kane and Lynch: Fired reviewer

Il titolo esatto sarebbe Kane & Lynch: Dead men, ma è successo qualcosa che ha imposto il titolo di questo post.

Kane & Lynch: ennesimo capolavoro annunciato sotto forma di DVD, in realtà si tratta solo di belle parole da parte dello staff della Eidos.

La stampa l'ha accolto freddamente, con un voto medio di 69 secondo Gamerankings.
Ma qualcuno ha voluto osare di più.

Jeff Gerstmann, autore della recensione su Gamespot, gli ha affibiato un fantastico 60/100, stroncando completamente il gioco per quel che riguarda la storia, l'AI, il multiplayer co-op mancante online ed il sistema di puntamento scomodo.

In questa immagine, presa da Kotaku, vedete come si presentava la homepage di Gamespot.



In pratica, il sito era tappezzato di pubblicità di questo gioco, la Eidos probabilmente pagava profumatamente perchè Gamespot tenesse questo layout del sito.
Devo anche aggiungere che non è stata contenta di come è stato trattato il gioco?

Penny-Arcade ha fatto un fumetto con questa storia... contenente un epilogo reale e decisamente negativo

Il recensore di Gamespot è stato LICENZIATO!
Questo perchè la Eidos ha protestato contro la recensione di Gamespot, dopo tutti i soldi che gli sono stati dati in pubblicità.

La cronologia degli eventi tratta dai commenti su Digg è favolosa.

Vi invito prima di tutto a notare le recensioni dei giocatori riguardo a Kane & Lynch: tutti stanno votanto 1.0, il peggior voto possibile, con slogan di protesta verso il fatto che Gamespot è un sito venduto.

Il forum della Eidos, ora attivo, era stato bloccato per manutenzione. Erano stati sommersi da post di protesta per quello che era successo. I topic incriminati sono stati cancellati.

Su Joystiq, c'è la conferma del licenziamento di Jeff, che dice di non sapere il motivo esatto del licenziamento ma che è convinto che tornerà a lavoro presto (io penso che lo sappia benissimo il motivo... ma dirlo in pubblico lo danneggerebbe).

Insomma, oggi è una data storica.

Anche Capitan Obvious sapeva che le riviste venivano pagate dalle case per fare una bella figura, questa è LA conferma che tanti aspettavano.

Il futuro di Gamespot è appeso a un filo... la sua credibilità è crollata dopo questa mossa. Il potere dei videogiocatori ne deciderà il destino.
Forse non accadrà niente, forse invece questa piccola rivoluzione servirà a darci la speranza che tutte le schifezze che circondano il mondo dei videogiochi se ne vadano.

EDIT - Punto Informatico ha linkato questo post nel suo articolo riguardante il caso. Ricambio volentieri il collegamento :)

5 commenti:

seppo ha detto...

Che tristezza ste cose..
sarebbe stato comunque peggio leggere un bel.. chessò.. 90/100 su un gioco pessimo, questo fatto dimostra invece che almeno ogni tanto c'è gente onesta.
giggì

Dio Brando ha detto...

incredibile.
ulteriore prova che internet è SERIOUS BUISNESS

Giovanni ha detto...

visto che ho un account su gamespot, ho lasciato il mio bel 1.0 a tutte le versioni di Kane&Lynch che ho trovato sul sito.

bene :)

seppo ha detto...

si comunque non è per forza una cosa solo negativa.
cioè io mai avrei pensato che su un portale sputtanato come gamespot ci siano recensori onesti, una prova che alcune persone non sono tutte vendute come si pensa.
da questo evento, in conclusione, Mr Gamespot è stato leggermente ownato, eidos ancora di più, il mondo è felice (beh oddio..) e magari le cose cambiano in meglio, capiscono il loro sbaglio causa la grande perdità di credibilità del grande pubblico. (che per me invece è un guadagno)
troppo ottimista forse eh..

cybernik[GLT] ha detto...

hedgino a capo della rivolta dei videogiocatori!!!! Complimenti per il blog!!!